90° Anniversario della Crociera Aerea Transatlantica Italia-Brasile

Pubblicato il 17/12/2020

La crociera aerea transatlantica Italia-Brasile, fu la prima crociera aerea transatlantica di massa. Venne organizzata da Italo Balbo dopo il successo delle due crociere nel Mediterraneo: Crociera aviatoria del Mediterraneo Occidentale (1928) e la Crociera aviatoria del Mediterraneo Orientale (1929). Si tenne tra il 17 dicembre 1930 e il 15 gennaio 1931. Il tratto di trasvolata atlantica di circa 3000 km si presentava come la tappa più difficile di tutta la trasvolata. Non solo per la lunghezza del percorso, che sarebbe stato coperto in circa 20 ore, ma anche per il momento del decollo, con gli S.55 caricati al massimo delle loro possibilità di carburante. Per risparmiare sul peso vennero rimossi anche i giubbotti di salvataggio. il Maresciallo dell'Aria Italo Balbo, divenuto Ministro dell'Aeronautica, guida la Crociera Transatlantica, che avrebbe permesso di realizzare quello che Balbo stesso definisce "balzo atlantico in massa" dall'Italia al Brasile. La formazione di 14 idrovolanti S.55TA, suddivisa in quattro squadriglie (Nera, Rossa, Bianca, Verde), parte da Orbetello il 17 dicembre e il 15 gennaio del 1931, dopo varie peripezie e un grave incidente, raggiunge la città di Rio de Janeiro. Il governo brasiliano, colpito dalle notevoli prestazioni dei velivoli S.55, li acquista in blocco, pagandoli con 50.000 sacchi di caffè.





Modello S.55 P scala 1:12 di proprietà dell’Arch. Giuseppe Leoni Presidente dell’ Aero Club d’Italia. Costruito nell’anno 1927 dal caposquadra falegname della SIAI Marchetti, Ermanno Brusa (Vergiate 1906-1992). Dipinto con colori originali dal maestro pittore Martino Castelnuovo detto Bigiò (Vergiate 1880-1972).