Attività consentite a seguito del DPCM del 14 gennaio 2021

Pubblicato il 20/01/2021

Il nuovo DPCM del 14 gennaio 2021, in vigore dal 16 gennaio 2021, conferma le disposizioni di specifico interesse dell’Aero Club d’Italia già contenute nel precedente DPCM del 3 dicembre 2020.

Si riportano di seguito le attività, previste dall’art. 1, comma 10 del decreto, che sono consentite sull’intero territorio nazionale.

  • La possibilità di svolgere gli eventi e le competizioni di livello agonistico riconosciuti di preminente interesse nazionale con provvedimento del CONI è prevista dalla lettera e), rimangono possibili le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di squadra, partecipanti alle competizioni di cui sopra, consentite a porte chiuse, nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive Federazioni sportive nazionali.
  • Lo svolgimento delle manifestazioni pubbliche resta consentito solo in forma statica, a condizione che siano osservate le distanze sociali e rispettate le altre misure di contenimento (lett. i).
  • Sono consentiti, anche a distanza, i corsi per il conseguimento dell’abilitazione a pilota di linea (ATPL) e della licenza di pilota privato (PPL) tenuti dalle scuole di volo e lo svolgimento dei relativi esami. Sono altresì consentite le prove teoriche e partiche effettuate dall’Ente nazionale per l’aviazione civile e dalle scuole di volo (lett. s). In relazione a tale attività aerodidattica, sono in corso contatti con l' ENAC al fine di poter fornire eventuali ulteriori chiarimenti, tra i quali lo svolgimento degli esami per il conseguimento della licenza di pilota  per il volo a vela.

Infine si evidenzia che la pratica del volo libero (VDS-VL), possibile in quanto rientrante tra le attività di cui alla lettera d), potrà essere svolta in zona gialla ed arancione, nei limiti di quanto previsto dall’art 2  c. 4 lett. b) in relazione agli spostamenti necessari.

Le presenti indicazioni sono da ritenersi valide fatte salve eventuali disposizioni regionali più restrittive.