Radio per uso aeronautico con spaziatura 8,33 KHz.

Pubblicato il 28/06/2018


 Carissimo Presidente, Direttore, Socio, Pilota,

come certamente saprai, il 30 giugno p.v. scadrà la proroga concessa ad ENAC per procedere all’ implementazione, in Italia delle frequenze radio aeronautiche. A partire dal 1° Luglio, quindi, sarà necessario avere installata e autorizzata a bordo una radio ricetrasmittente che possa operare sui canali con spaziatura di 8,33 KHz. Per assicurare la massima operatività di tutti gli utenti dell’aviazione sportiva e generale, l’Aeroclub d’Italia sta effettuando un monitoraggio dei velivoli che, a qualsiasi titolo, abbiano a bordo un apparato radio, e che abbiano ( o non ancora abbiano) installato un apparato con le nuove caratteristiche.Tale rilevamento, le cui finalità sono esclusivamente statistiche, dovrà concludersi entro il 12 luglio p.v. in modo da verificare l’andamento delle conversioni, stabilire un piano e, eventualmente, procedere per gli opportuni canali, a richiedere una ulteriore proroga per consentire a tutto il parco macchine volante, di completare la trasformazione. Ciò con l’obiettivo di aderire alle disposizioni europee (peraltro già in vigore in diversi stati esteri), garantendo la sicura e piena operatività entro i limiti che verranno stabiliti. Di contro, ove non si possa raccogliere significativi dati, ogni utente dovrà attenersi alle nuove norme ed essere oggetto delle conseguenti limitazioni operative e sanzionatorie in caso di violazione delle stesse. Per quanto precede, chiedo la Tua collaborazione a diffondere questo mio invito a tutti coloro che ritieni possano essere interessati e, contemporaneamente, e di inviare i dati di interesse all’indirizzo email dir.gen@aeroclubitalia.it

I dati dovranno essere trasmessi, su file excel secondo i seguenti campi:

Matricola velivolo;

Tipologia (AG/VDS/etc. specificare)

Radio 8,33 (numero licenza di stazione radio)

Data installazione o di prevista installazione.

Al fine dell’adozione delle misure più idonee atte ad assicurare la piena e sicura fruibilità dello Spazio aereo nazionale e internazionale, nel rispetto delle norme, confido nella massima collaborazione.                                                                                              


                                                                                                                      Il Direttore generale

Gen. Giuseppe D'Accolti